Servizi per i cittadini immigrati

La cooperativa L'Arco in collaborazione con i comuni del Veneto Orientale gestisce uno sportello di informazione e consulenza per stranieri.

Lo sportello per stranieri è attivato per: offrire informazione, orientamento, consulenza e accompagnamento. essere punto di riferimento stabile per il cittadino straniero  La sua finalità è quella di rendere possibili l’accoglienza e l’integrazione dei cittadini immigrati.

I servizi che offriamo sono: informazione sulla normativa dell’immigrazione e del lavoro, informazioni sui servizi sociali, scolastici, su tutti i servizi presenti sul territorio e dintorni; orientamento al lavoro ed alla formazione professionale, ai corsi di alfabetizzazione e di lingua italiana, agli adempimenti burocratici; accompagnamento, come affiancamento dello straniero che abbia sia difficoltà linguistica che problemi di tipo culturale, per facilitare il dialogo nelle situazioni di bisogno immediato;



mai più lo sguardo basso PDF Stampa E-mail
Scritto da Staff L'Arco   
Mercoledì 28 Gennaio 2015 00:00

app.violenza

Grazie al progetto "Un porto di identità" finanziato dalla Regione Veneto, è disponibile la brochure "Mai più lo sguardo Basso", che intende aumentare la sensibilizzazione al fenomeno della violenza di genere.

La brochure sarà messa a disposizione nei luoghi di buon afflusso, come gli studi dei medici di base, le farmacie, gli uffici pubblici, ecc.

Per aumentarne maggiormente la diffusione è stata creata anche un applicazione mobile che permette di leggere tutti i contenuti nel proprio pc, smatphone, tablet.

Inquadrando il QRcode sarà possibile l'accesso ai contenuti, comprese le traduzioni in varie lingue di prossima uscita.

In allegato la versione PDF della brochure e in primo piano il CRcode dell'applicazione.

 

 

 

Attachments:
Download this file (rete antiviolenza pieghevole v03 2014.pdf)rete antiviolenza pieghevole v03 2014.pdf[ ]1915 Kb28/01/2015 10:49
Ultimo aggiornamento Mercoledì 28 Gennaio 2015 11:38
 
MEDIAZIONE CULTURALE E LINGUISTICA PDF Stampa E-mail
Scritto da Staff L'Arco   
Martedì 27 Novembre 2012 00:00

 

IMG 4596 1

 

Il servizio di mediazione culturale mette a disposizione mediatori per le seguenti lingue: inglese, francese, rumeno, ucraino, moldavo, russo, arabo, albanese, polacco, ungherese, igbo, serbo-croato, cinese, portoghese, bengalese.

 

Il servizio è gestito su appuntamento, attraverso la prenotazione indirizzata alla segreteria operativa della Cooperativa L'Arco attiva negli orari dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.00. Il personale interverrà dal lunedì al sabato e in base alla disponibilità del singolo mediatore.

 

L’appuntamento è personalizzato e risponde all’esigenza specifica.

 

In caso di necessità immediata e nel caso in cui il mediatore non sia disponibile ad un intervento d'urgenza, verrà proposto il contatto telefonico con il mediatore secondo la disponibilità dello stesso.

 

Nel caso di traduzioni di materiale informativo e divulgativo i mediatori potranno essere chiamati a tale attività secondo i criteri di retribuzione applicati. Potranno altresì essere coinvolti negli incontri con il personale sanitario dei servizi ad alta frequentazione di utenti stranieri con particolare attenzione alle donne immigrate provenienti da Paesi con specifiche e diverse tradizioni socio-culturali e religiose.

 

 

Per informazioni rivolgersi allo 335.6250730 in orario di ufficio.

Ultimo aggiornamento Martedì 10 Febbraio 2015 16:41
 
IL LAVORO DELLE BADANTI PDF Stampa E-mail
Scritto da Staff l'arco   
Lunedì 24 Maggio 2010 09:30

Nel 2009 lo Sportello Donne Immigrate del Comune di Portogruaro e la cooperativa sociale l’Arco, in collaborazione con l’Associazione Migranti della Venezia Orientale – onlus, hanno promosso un’indagine sociologica campionaria nei comuni del Veneto Orientale con i seguenti obiettivi: -    raccogliere elementi per aumentare la conoscenza sulle condizioni di vita e lavoro delle assistenti familiari presenti nel territorio; -    alimentare un dibattito pubblico sul ruolo che le assistenti familiari stanno assumendo nel sistema di welfare locale; -    favorire l’individuazione di strumenti per potenziare le loro capacità professionali e favorire l’integrazione sociale nel contesto locale. Tra luglio ed ottobre sono stati raccolti ed analizzati 153 questionari, somministrati direttamente ad assistenti familiari che gentilmente hanno risposto a domande relative alla loro provenienza, al loro stato anagrafico e civile, alla condizione lavorativa e sociale di badante. Di seguito sono esposti in modo sintetico i principali risultati emersi da questa indagine, rimandando ad un successivo e più esaustivo rapporto l’analisi completa.

Chi sono le assistenti familiari?

Secondo i dati raccolti, il lavoro dell’assistenza familiare nel portogruarese coinvolge quasi esclusivamente donne (98% del totale), con un’età compresa principalmente tra i 40 e i 59 anni (76%), principalmente coniugate (nel 53% dei casi), ma anche separate e divorziate (20%), nonché vedove (17%). Tre sono i principali Paesi di provenienza: Ucraina (50%), Romani (22%) e Moldavia (20%). L’80% di queste donne ha figli maggiorenni, mentre più della metà ha anche figli minorenni che, nella maggior parte dei casi, vivono nel paese d’origine.

La maggioranza delle assistenti familiari di origine straniera è arrivata in Italia dopo il 2000 e per oltre la metà il primo luogo di residenza non è stato Portogruaro, ma altre città d’Italia (anche del Sud). Quasi tutte hanno lasciato il proprio Paese per motivi economici. La maggior parte delle assistenti familiari qui occupate ha titoli di studio medio-alti: una su cinque possiede la laurea, oltre il 60% un titolo equivalente al nostro diploma di scuola media superiore.

Le assistenti familiari extracomunitarie hanno attraversato la frontiera italiana prevalentemente con il permesso di soggiorno per motivi turistici. Solo una ogni sei dichiara si essere entrata senza documenti validi, in modo irregolare. L’80% delle assistenti familiari extracomunitarie attesta di essere, al momento dell’indagine, in possesso di un titolo di soggiorno valido per la permanenza in Italia. L’irregolarità è una caratteristica soprattutto delle assistenti arrivate da poco tempo. La maggior parte è iscritta all’anagrafe e ha la tessera sanitaria.

Qual è il loro percorso lavorativo?

Le assistenti familiari intervistate lavoravano anche prima di arrivare in Italia, pur facendo tutt’altro tipo di lavoro: impiegate, commesse, segretarie, operaie, insegnanti. Solo alcune di loro erano occupate nei settori sociali e sanitari. Sono venute a conoscenza dell’opportunità di fare la badante prima di arrivare in Italia, principalmente attraverso il passaparola di altre assistenti familiari. Il 60% fa la badante da meno di 5 anni. Quasi un terzo assiste contemporaneamente più di una persona. Nove su dieci ha cambiato perlomeno una volta la famiglia, sia per decesso dell’assistito, sia per decisione del datore di lavoro o della stessa badante. Sono solo un quarto quelle che hanno superato i tre anni di permanenza continuativa nella stessa famiglia.

Le ore di lavoro settimanali sono ben oltre i termini massimi previsti dal contratto (54 ore) per il 62% delle assistenti. Le mansioni svolte non sono solo relative al lavoro di accudimento dell’assistito (includendovi anche piccole prestazioni infermieristiche), ma si allargano a comprendervi la pulizia della casa, il disbrigo delle diverse pratiche domestiche, la cura dell’orto e del giardino.

Tre su quattro ha un regolare contratto di lavoro. Il lavoro nero è prerogativa soprattutto delle assistenti familiari arrivate da meno tempo. Quasi tutte inviano, pur con diversa frequenza, una parte del denaro percepito al proprio Paese d’origine.

Chi assistono le badanti?

Gli assistiti sono soprattutto donne (nel 70% dei casi), con più di 75 anni (88%), parzialmente o completamente non autosufficienti (in totale quasi il 90%), che vivono da sole (tre su quattro) e spesso senza rete familiare, parentale o di vicinato. Nell’85% dei casi l’assistente familiare vive in casa dell’assistito.

In alcuni casi il servizio della badante è aggiuntivo rispetto ai servizi socio-sanitari pubblici, quali SAD (servizio di assistenza domiciliare), ADI (assistenza domiciliare infermieristica), AIMED (assistenza domiciliare medica integrata).

Quali competenze assistenziali e conoscenze possiedono?

Quattro su cinque in precedenza non aveva mai fatto il lavoro di assistente familiare. Nonostante ciò si sentono piuttosto preparate per il lavoro che fanno, pur senza aver mai frequentato un corso di formazione. Una su tre frequenterebbe dei corsi di formazione.

I tre quarti non possiede la patente di guida per l’automobile.

Il servizio del territorio più conosciuto è il progetto Abramo seguito dai Servizi Sociali; poco noto risulta lo “sportello casa”. La “Guida dello sportello donne immigrate del Veneto orientale” è conosciuta da circa il 30% delle intervistate.

Come passano il tempo libero?

Il poco tempo libero viene trascorso o guardando la televisione oppure leggendo libri. Molto comune è anche la frequentazione del parco, specie nella bella stagione. La quasi totalità usa ed è in possesso del cellulare, mentre la posta elettronica ed internet sono mezzi ancora poco conosciuti ed utilizzati.

Fuori dal lavoro frequentano prevalentemente connazionali (con i quali condividono anche attività associative), oppure italiani. Ben più difficile è che le assistenti familiari abbiano rapporti con stranieri di altre nazionalità.

Qual è il loro stato di salute?

La metà delle intervistate afferma che il proprio stato di salute è buono. Tra i malesseri dichiarati emergono: stanchezza, sia fisica che psicologica (morale basso), mal di testa, dolori alla schiena. Quasi il 45% comunica di aver effettuato, negli ultimi sei mesi, una visita medica.

Sono contente di fare questo lavoro?

La maggior parte delle assistenti familiari intervistate si dichiara soddisfatta del lavoro di badante, benché non manchino alcune critiche. Le più insoddisfatte sono o le più giovani o le più anziane, ovvero quelle che si trovano all’inizio e alla fine del percorso lavorativo.

L’aspetto ritenuto la fonte di maggior soddisfazione è quello relativo ai rapporti umani; quello più insoddisfacente è l’aspetto professionale.

Che progetti hanno per il futuro?

La maggior parte delle assistenti familiari intervistate, nel loro futuro, vorrebbero continuare a fare il lavoro di badante. Una su tre però vorrebbe cambiare lavoro, pur rimanendo in Italia. Oltre la metà delle intervistate conosce altre assistenti che sono già rientrare al paese d’origine. Il motivo non sembra però quello della crisi economica, ma piuttosto di ordine sanitario, familiare o di raggiungimento degli obiettivi del percorso migratorio.

Ultimo aggiornamento Giovedì 12 Agosto 2010 13:31
 


Laboratori
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

LABORATORIO MUSICALE

LABORATORIO MUSICALE

Il laboratorio musicale proposto verrà impostato mediante l’utilizzo dei metodi Willems ed Orff, le cui attività si imperniano sul gioco, sul canto, sulla crescita qualitativa...

10 Ott 2012 Hits:4806

LA CARTA

LA CARTA

          DURATA DEL PROGETTO Il progetto prevede tre incontri di due ore ciascuno. OBIETTIVO GENERALE Il laboratorio si propone di raccontare la nascita della carta e far sperimentare ai...

10 Ott 2012 Hits:3174

LABORATORIO DI XILOGRAFìA

LABORATORIO DI XILOGRAFìA

DESTINATARI: alunni della scuola secondaria di primo grado. La xilografia è l’antica tecnica di incidere su legno delle immagini per poi poterle stampare, una volta ricoperte...

05 Ott 2012 Hits:3972

DIDATTICA TRA BLOG E YOUTUBE– FORMAZIONE PER DOCENTI

DIDATTICA TRA BLOG E YOUTUBE– FORMAZIONE PER DOCENTI

Percorso in collaborazione con Flarevideo - studio specializzato nella produzione di audiovisivi. «il barbaro cerca solo e sempre sistemi passanti: vuole stazioni intermedie che non soffochino...

05 Ott 2012 Hits:4692

IL MOSAICO ANTICO

IL MOSAICO ANTICO

DESTINATARI: alunni scuola primaria e secondaria. Il mosaico è una forma d’arte decorativa basata sulla composizione di singole parti o frammenti che, opportunamente assemblati, formano...

01 Ott 2012 Hits:5094

PERCORSI

PERCORSI

Proposte di visite didattiche e tematiche Le visite didattiche possono essere adattate alle specifiche esigenze della programmazione scolastica oppure costituire l’ideale completamento di un’esperienza di...

01 Ott 2012 Hits:4317

VASI D'ARGILLA

VASI D'ARGILLA

Laboratorio di creazione e decorazione di vasi DESTINATARI: alunni della scuola primaria e secondaria. L’argilla costituisce fin dall’antichità un elemento fondamentale nella creazione di oggetti: facile...

01 Ott 2012 Hits:5413

CREAZIONE CON L'ARGILLA

CREAZIONE CON L'ARGILLA

DESTINATARI: alunni della scuola primaria e secondaria. Il percorso porta i bambini alla conoscenza di uno specifico materiale plastico come la creta. Questo materiale ha delle caratteristiche...

01 Ott 2012 Hits:5803

La Magia dell’Elemento Plastico

La Magia dell’Elemento Plastico

OBIETTIVI GENERALI Sperimentare la manipolazione e la costruzione come mezzo espressivo e come mezzo di apprendimento.   DURATA DEL PROGETTO Il progetto prevede un percorso di manipolazione e di...

10 Set 2012 Hits:3665

L’Emozione del Colore

L’Emozione del Colore

      OBIETTIVI GENERALI Insegnare ai bambini ad osservare le emozioni che provano, ed associarle, in maniera ludica e creativa,  ai diversi colori  dandogli una forma espressiva.  

10 Set 2012 Hits:4360

Giocando con l'Arte

Giocando con l'Arte

  DURATA DEL PROGETTO Il progetto si articola in un percorso che si propone di “iniziare” i bambini all’arte attraverso un attività ludica espressiva. Sono previsti dai...

10 Set 2012 Hits:3895

Città e campagna, due mondi a confronto

Città e campagna, due mondi a confronto

 DURATA DEL PROGETTO: Il progetto si articola in un percorso di 5 incontri di un’ora ciascuno per far analizzare, in maniera ludica ai bambini, le diverse...

10 Set 2012 Hits:4239

Costruzioni con materiali di recupero

Costruzioni con materiali di recupero

DURATA DEL PROGETTO Il progetto si articola in un percorso che porta i bambini all’osservazione e alla sperimentazione . Sono previsti dai 5 ai 10  incontri...

10 Set 2012 Hits:4027

Laboratori di educazione, animazione e divulgazione naturalistica per uscite didattiche

Laboratori di educazione, animazione e divulgazione   naturalistica per uscite didattiche

Bosco di Bandiziol e Prassacon a San Stino di Livenza (Ve). Il bosco di Bandiziol e Prassacon a San Stino di Livenza costituisce ad oggi, nella...

10 Set 2012 Hits:4029

Letture animate

Letture animate

DURATA DEL PROGETTO Il progetto si articola in un percorso di educazione all’ascolto e all’animazione che prevede dai 5 ai 10 incontri. Tale proposta è adattabile...

10 Set 2012 Hits:3959

Sito basato su 'Colorfall' by [ Anch ] Settore informatico L'Arco. Please, don't remove this hidden copyleft!

Tot. visite contenuti : 244227